LA TRADIZIONE

"Carriera" o corsa sfrenata di cavalli barberi; di sicura provenienza medievale, ribadita dagli Statuti e Ordinanze della Terra di Carpineto, riconfermata da testimonianze d'archivio dal secolo XVI al secolo XIX. Il "Pallio" (grafia in uso nel sec. XVII) o nobile tessuto, veniva offerto dal signore feudatario dell'epoca, che lo elargiva dietro supplica del consiglio della comunità.
Per la rievocazione storica si è individuato l'anno 1622, presa di possesso del feudo Aldobrandino della principessa Donna Olimpia, che trasformò in ducato ingrandendo con le vicine comunità lepine di Gavignano, Montelanico, Gorga e Maenza: divenne il "suo bello stato".
I costumi del treno storico si rifanno scrupolosamente a tale splendido periodo.

Un contenitore d'arte

Il "Pallio" rappresenta un momento di forte aggregazione comunitaria, di esperienze artistiche (con mostre), culturali (conferenze, proiezioni cinematografiche, rappresentazioni teatrali) e artigianali (ripresa di esperienze tradizionali, che vanno sotto il nome di "LepinArt"). A ciò si uniscono esperienze musicali (Lepini B fest, concerti al Chiostro) e di arte varia con "artisti di strada" o Buskers, che vanno sotto il nome di" Agosto Carpinetano".